• lang0

Modalità telematica

"Nuove procedure per la presentazione delle pratiche di competenza dello Sportello Unico per le Attività Produttive, comprese le pratiche edilizie, ambientali, tecniche esclusivamente per i Comuni di CAPRANICA PRENESTINA, CASTEL SAN PIETRO ROMANO, COLONNA, GALLICANO NEL LAZIO, GENAZZANO, NEMI, ROCCA DI CAVE, ROCCA DI PAPA, ROCCA PRIORA, ZAGAROLO".

Dal 29 marzo 2011 (compreso) cambiano radicalmente le procedure relative alle attività produttive in quanto, in base al nuovo decreto del Presidente della Repubblica n. 160 del 2010 ogni istanza, comunicazione ed i relativi allegati devono essere presentati esclusivamente in modalità telematica.

In pratica non sarà possibile presentare in cartaceo (neanche in caso di invio per posta) o per fax la documentazione riguardante tutte le pratiche amministrative e tecniche che riguardano l'impresa fra cui:

  • pratiche amministrative (avvio attività, trasferimento, subingresso, cessazione ecc...);
  • pratiche tecniche (DIA/SCIA edilizia, permesso di costruire, notifica sanitaria, autorizzazione agli scarichi, alle emissioni ecc., procedure di prevenzione incendi ed ogni altra pratica);
  • comunicazioni, segnalazioni ed ogni altro adempimento relativo.

Le pratiche presentate in modalità tradizionale, per legge, sono IRRICEVIBILI e QUINDI NON PRODUCONO ALCUN EFFETTO GIURIDICO.

Dal 29 marzo 2011 le pratiche devono essere presentate esclusivamente in modalità telematica, quindi devono essere inviate tramite posta elettronica certificata (PEC). L'interessato dovrà pertanto dotarsi di una casella di posta PEC (acquistabile sul mercato dai vari fornitori).

In alternativa l'interessato potrà avvalersi della casella di posta elettronica del proprio professionista o di una associazione di categoria alla quale presenterà la documentazione da inviare alla Comunità per il Comune convenzionato ricordando di allegare copia fotostatica del documento di identità dell'interessato e la PROCURA SPECIALE.icona pdfPROCURA SPECIALE - Pratiche SUAP (25,6 KB)

Oltre alla casella PEC dovrà essere acquisita una smart-card o pendrive di firma digitale. Anche in questo caso sarà possibile acquistare sul mercato tale dispositivo. Il documento informatico da firmare digitalmente deve essere redatto in un formato statico (es. PDF/A studiato appositamente per l'archiviazione nel lungo periodo di documenti elettronici).
In pratica non deve contenere al suo interno "macroistruzioni" o "codici eseguibili" che possano modificare  i fatti, gli atti o i dati in esso rappresentati. Ad esempio, i documenti nei formati più diffusi come .doc (Word), .xls (Excel), .odt, .ods (Open Office), DWG,  non sono idonei per essere firmati digitalmente in quanto sono modificabili anche dopo la sottoscrizione.

Pertanto,  tutti i documenti redatti in formato diverso dallo standard PDF/A devono essere convertiti. Dopo la firma abbiamo creato un file con l’ulteriore estensione “. p7m. Il file .p7m sarà quindi il documento firmato da inviare alla Pubblica Amministrazione (Il formato PADES non è accettato per la firma di atti e documenti da trasmettere a questo Ente. Così come indicato nella Deliberazione_CNIPA_N_45_21-Mag-09)

Il file dovrà essere firmato digitalmente dal diretto interessato il quale provvede con propria PEC alla trasmissione telematica ovvero il file deve essere firmato autografamente dal diretto interessato e, mediante procura, firmato digitalmente dall'intermediario che provvede alla trasmissione con la propria PEC. Pertanto saranno IRRICEVIBILI per violazione DPR 160/2010 tutte quelle pratiche pervenute da PEC diverse da colui che firma digitalmente (ad es. pec impresa e firma digitale di intermediario).

La nuova normativa, oltre a prevedere questa importante novità in merito alla presentazione telematica delle istanze, amplia notevolmente il campo di applicazione dello Sportello Unico, prevedendo che tali procedure si applichino ad ogni adempimento riguardante le imprese, anche se relativo ad aspetti tecnici (edilizia, sanità, ambiente ecc....), a meri adempimenti di comunicazione o di SCIA/DIA.

Vista l'importanza della materia e gli effetti che ne derivano sulle pratiche presentate in modo non conforme vi invitiamo, per ulteriori approfondimenti, a seguire le notizie di aggiornamento sul sito www.impresainungiorno.gov.it nonchè sul sito del SUAP all'indirizzo www.cmcastelli.it/suap dove potrete porre eventuali quesiti e richieste di chiarimenti e dove troverete la modulistica in formato elettronico per la compilazione delle istanze. In sintesi vi ricordiamo che potrete:

  1. continuare a compilare la documentazione in cartaceo consegnando la stessa al professionista o associazione di fiducia perchè proceda all'acquisizione elettronica (scansione) ed alla trasmissione telematica al SUAP (in questo caso non avrete necessità di utilizzare la PEC e la firma digitale);
  2. compilare la documentazione in formato elettronico e firmarla digitalmente, trasmettendola al professionista o associazione di fiducia perchè proceda alla trasmissione telematica al SUAP (in questo caso non avrete necessità di utilizzare la PEC ma dovrete avere un dispositivo di firma digitale);
  3. compilare la documentazione in formato elettronico e firmarla digitalmente, trasmettendola tramite PEC al SUAP (in questo caso avrete necessità di utilizzare la PEC e dovrete avere un dispositivo di firma digitale).

Vi segnaliamo i recapiti dello Sportello Unico ai quali vanno inviate le istanze:
PEC del SUAP: servizio.suap@pec.cmcastelli.it Email diretta: servizio.suap@cmcastelli.it da utilizzare per informazioni e richieste di chiarimenti

ultimo aggiornamento di Lunedì 12 Dicembre 2016 15:02
Valuta la pagina - stampa